Silenzio! Alice è scomparsa


Un gioco di ruolo immersivo alla ricerca di un’amica scomparsa tra segreti, pericoli e rancori che cambieranno il volto della cittadina di Silent Falls. Riuscirete a ritrovare Alice? E a quale prezzo? Ma ricordate: non si parla con nessuno. L’unica possibilità di comunicare con gli altri è attraverso i messaggi col cellulare!

Charlie Barnes ha lasciato Silent Falls assieme a sua madre alla fine dell’anno scolastico appena trascorso, dopo che i genitori hanno divorziato. Charlie ha fatto ritorno in città in occasione delle vacanze invernali per stare un po’ con suo padre, e spera anche di poter vedere Alice e gli altri mentre è qui. Qualche giorno fa Alice ha smesso di rispondere al cellulare.

Comincia da qui Alice è scomparsa – Alice is missing – un gioco di ruolo immersivo e originale che ci mette nei panni degli amici e dei familiari intenti a scoprire il destino di Alice.

Anche chi non lo ha ancora giocato, dall’evocativa immagine di copertina e da queste prime parole si sente trasportato nel mezzo di una scena familiare: il paesino di Silent Falls, in California, luogo circondato da boschi lussureggianti e montagne in cui vive una piccola comunità di persone. Ma sotto la facciata serena ci sono segreti mai raccontati e un mistero da svelare.

È facile trovarci dentro atmosfere alla Riverdale, o Un gelido inverno, ma anche quelle di giochi come Life is strange e Oxenfree. Le suggestioni potrebbero spingersi anche oltre, fino a Twin Peaks, o una spruzzata di Stranger Things. I riferimenti sono sicuramente tanti e tutti ben radicati nel nostro immaginario.

Ma Alice è scomparsa è un gioco che conquista e affascina non solo per l’ambientazione, ma anche e soprattutto per il sistema di gioco, cominciando dall’elemento sicuramente più particolare e originale: si gioca in silenzio!

Durante la sessione di gioco – che può durare dalle 2 alle 3 ore – i giocatori potranno interagire solo mandando messaggi al cellulare, ma non parlando a voce alta, e nemmeno bisbigliando.

Oltre al manuale, è presente un mazzo di carte che andrà diviso in carte focus, indizio, carte sospettato e carte luogo. Il cellulare, invece, non è fornito col gioco. Una volta creati i personaggi, verranno definite le relazioni, si scambieranno i numeri di telefono e ognuno dovrà registrare un vocale – segreto – con l’ultimo messaggio inviato ad Alice.

A questo punto, quando tutti saranno pronti, si farà partire la playlist linkata, che scandirà il tempo di gioco. La sessione sarà caratterizzata da scambi di messaggi, relazioni tra i personaggi e la scoperta di indizi e relazioni che emergeranno durante il gioco.

Uno dei giocatori vestirà i panni del Facilitatore, figura diversa dal master, perché gioca insieme agli altri, è un vero e proprio giocatore, ma ha anche il compito di spiegare le regole e dirimere le questioni (nel caso dovessero essercene).

È un gioco, come detto immersivo, capace di coinvolgere i giocatori, anche personalmente, con un focus molto intenso sulle emozioni che inevitabilmente nasceranno durante la partita. Non a caso esistono strumenti di sicurezza, spiegati in una apposita sezione del manuale, per gestire i contenuti sensibili che qualche giocatore potrebbe trovare pesanti o complessi. In questo modo si ha sempre la tranquillità di tenere il gioco su binari condivisi da tutti i giocatori.

Il gioco tocca temi come la morte, il lutto, la violenza, i drammi familiari e tutto quello che ruota attorno la sparizione di una persona e ciò che ne consegue. Ai giocatori – come scritto anche nel manuale che aiuta a gestire questo materiale – viene richiesta una certa dose di tatto.

Quando il gioco comincia Alice è scomparsa da tre giorni. Appena si guardano le carte e si mette mano al cellulare partono le teorie, i sospetti e cominciano a delinearsi i risvolti della storia. La nostra cittadina di Silent Falls, il liceo Franklin Academy mostrano il vero volto sotto l’apparenza di una tranquillità ordinaria. Alla fine troverete Alice?, ma a quale prezzo?

Il gioco Alice è scomparsa è stato ideato da Spenser Starke, che ha lanciato un kickstarter finanziato in sole 3 ore. In Italia il gioco è distribuito da Raven Distribution al prezzo di 24,90 € (scatola con manuale e carte).

Il gioco, l’ambientazione e la storia hanno avuto talmente successo che la Paramount ha già acquistato i diritti per la versione cinematografica delle vicende di Alice, ma gli eventi che si dipaneranno attorno al tavolo durante ogni sessione di gioco, beh, quelli saranno tutta un’altra storia!

Articoli Correlati di Alice è Scomparsa

Alice è Scomparsa: tra i finalisti de Gioco dell’anno 2022!

Buonasera a tutti e ben ritrovati! Come ben sapete… stanno

Cat: Novità

Alice è Scomparsa: è in arrivo l’adattamento cinematografico!

Oggi abbiamo un’altra bella notizia da comunicarvi che riguarda Alice

Cat: Novità

Alice è Scomparsa – Un Gioco di Ruolo in Silenzio

Un gioco ideato da Spenser Starke e illustrato da Julianne

Cat: Giochi di ruolo